🤷‍♀️Nessuno legge le norme sulla privacy: perché dobbiamo andare oltre il consenso per garantire la privacy dei dati

🤓 Come “Guest article”, riporto di seguito alcuni paragrafi tradotti da un articolo tratto dal sito nextbillion.net che parla di quanto gli utenti digitali continuino a non leggere abbastanza, a volte mai, le norme sulla privacy per tutelare i nostri dati.

da “Nobody Reads Privacy Policies: Why We Need to Go Beyond Consent to Ensure Data Privacy” (…) Nell’era di Internet e dei Big Data, quando gran parte della nostra attività economica e sociale si svolge online (e lascia una traccia digitale), è difficile mantenere anche solo una parvenza di riservatezza dei dati.

Questo è il motivo per cui alcuni analisti, come il noto avvocato per la privacy Rahul Matthan, hanno in gran parte perso fiducia nel concetto di fornire il consenso a entità esterne per l’utilizzo dei nostri dati personali.

Come ha affermato Matthan in un recente articolo, “Il consenso è complicato da ottenere, quindi le politiche sulla privacy sono redatte nel linguaggio più ampio possibile per dare alle aziende un ampio margine di manovra nei trasferimenti di dati di terze parti. (…)

(…) Tuttavia, proprio come la tecnologia digitale semplifica l’ottenimento e la monetizzazione dei dati degli utenti, può anche rendere più facile per le aziende ottenere il consenso dell’utente per queste pratiche.

Siamo d’accordo sul fatto che il consenso possa svolgere un ruolo prezioso nella protezione della privacy dei dati dei consumatori e siamo incoraggiati da alcune delle innovazioni che stanno emergendo per promuovere tale obiettivo. (…)

Queste innovazioni sono particolarmente incoraggianti alla luce del fatto che il crescente accesso mobile ha portato i vantaggi e i rischi dei Big Data nei paesi in via di sviluppo, sede di molti dei consumatori digitali più nuovi e più vulnerabili del mondo.

Ma questi sforzi sono notevolmente limitati nel fornire ai clienti una protezione significativa, per tre ragioni principali:

❗️ Le persone semplicemente non vogliono leggere le comunicazioni sulla privacy

Questa realtà è stata ampiamente dimostrata da persone di culture diverse. In un mondo in cui ci sono oltre 2 miliardi di utenti di smartphone e l’utente medio di smartphone ha 60-90 app, quasi nessuno legge gli avvisi sulla privacy delle app, per non parlare delle politiche sulla privacy del sito web.
Tutti “diciamo” di averli letti quando facciamo clic per accettare i termini e le condizioni, ma diversi studi hanno dimostrato che non è così.

Un recente sondaggio Deloitte su 2.000 consumatori ha rilevato che il 91% delle persone acconsente ai termini legali e alle condizioni dei servizi senza leggerli.

👉 Per i giovani tra i 18 e i 34 anni, il tasso è ancora più alto, con il 97% che accetta le condizioni prima di leggere.
👉 Meno del 2% dei clienti Microsoft ha utilizzato la sua Privacy Dashboard e dei 2,5 miliardi di visite alla pagina degli account di Google, solo circa 20 milioni di persone hanno persino visualizzato le impostazioni degli annunci.

Oggigiorno ci sono numerosi avvisi sui cookie sui siti web, guidati dal regolamento generale sulla protezione dei dati dell’UE, ma le persone tendono a continuare a fare clic finché non arrivano alla pagina web che vogliono vedere.

Per essere onesti, questa non è semplicemente una storia di apatia degli utenti: anche se qualcuno volesse essere diligente, la ricerca mostra che impiegherebbero 76 giorni lavorativi per leggere tutte le politiche sulla privacy che incontrano in un anno di utilizzo di Internet.

❗️Anche se leggiamo le comunicazioni sulla privacy, non le comprendiamo

In uno studio pubblicato lo scorso anno, il National Institute of Public Finance and Policy ha chiesto a studenti di college e facoltà di giurisprudenza in India di rivedere le politiche sulla privacy di cinque siti web popolari quali

👉 Uber, WhatsApp, Google, Flipkart e PayTM

e poi testarle sulla loro comprensione.
Nonostante fossero ben istruiti, la maggior parte degli studenti non poteva rispondere correttamente a domande difficili sulle politiche – anche se potevano tornare indietro e consultare quelle politiche prima di rispondere – e il 20-40% delle domande “facili” ha avuto una risposta errata.

❗️I “migliori avvisi” non funzionano necessariamente

(…) Ma sebbene siano ben intenzionati, questi approcci sono generalmente inefficaci nell’attirare l’attenzione dei clienti, poiché vanno contro il desiderio delle persone di ottenere informazioni o intrattenimento, condurre transazioni o giocare con la minor interferenza possibile.(…)

🧐 STUDIOBIA è la soluzione per andare oltre il consenso: scrivici al 3476974119 o compila il form alla pagina contatti, siamo very responsive a tutte le richieste!

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *