TikTok oggetto di indagine olandese sulla protezione dei dati

La Privacy per i bambini

L’ App TikTok, conosciuta in Cina come Douyin, fa sbizzarrire la creatività dei giovanissimi dal 2016.

I numeri dicono che il 35% degli utenti è della fascia di età che va dai 13 ai 15 anni, per la precisione 21% adolescenti e 14% ventenni e attualmente è l’applicazione più scaricata superando Instagram e Facebook.

Ricordiamoci sempre che gli utenti giovanissimi di oggi, fruitori sempre più numerosi di tante applicazioni, saranno i consumatori futuri del domani e i loro dati personali, se non protetti, diventeranno dati preziosi rivendibili ai produttori di beni futuri, di qualsiasi settore.

A questo proposito, l’estate scorsa, l’autorità olandese per la protezione dei dati (DPA) ha avviato un’indagine su questa piattaforma per problemi di Privacy.

Riporto qui, una parte interessante dell’articolo da Euronews dove parla sull’indagine avviata che esaminerà se TikTok protegge adeguatamente la privacy dei bambini ai sensi della legge olandese e del regolamento generale sulla protezione dei dati dell’Unione europea (GDPR).

“Indagheremo se l’App ha un design rispettoso della privacy”, ha affermato Monique Verdier, vicepresidente del DPA olandese.

“Verificheremo anche se le informazioni fornite da TikTok quando i bambini installano e utilizzano l’app sono facili da capire e spiegano adeguatamente come i loro dati personali vengono raccolti, elaborati e utilizzati”.

Le autorità stanno anche esaminando se l’app richiede il consenso dei genitori per TikTok per raccogliere e utilizzare i dati sui suoi giovani utenti.

La popolarità di TikTok è aumentata durante la pandemia COVID-19 e il fornitore di informazioni di mercato Sensor Tower stima che l’app sia stata la seconda applicazione più installata ad aprile in tutto il mondo, con oltre 107 milioni di download.

L’app di social media di proprietà cinese è stata in precedenza oggetto di esame da parte del Regno Unito e degli Stati Uniti per le sue normative sulla Privacy dei dati.

Nonostante sia stata bandita dall’India, e rischi una sorte simile in Usa, il social cinese rimane l’applicazione più scaricata e la più lucrativa al mondo.

Nel febbraio 2019, la società ha accettato di pagare 5,7 milioni di dollari (circa 5,25 milioni di euro) come parte di un accordo per le accuse di “raccolta illegale di immagini, registrazioni vocali e geolocalizzazione” di bambini, alcuni di età inferiore ai 13 anni.

Una coalizione di gruppi di bambini e consumatori ha accusato la popolare app di non rispettare il loro accordo con la Federal Trade Commission degli Stati Uniti per proteggere la Privacy dei bambini.

“Prendiamo sul serio la privacy e ci impegniamo a garantire che TikTok continui a essere una comunità sicura e divertente per i nostri utenti”, ha detto a Euronews un portavoce di TikTok.

Nei mesi scorsi, TikTok ha delineato alcune misure di sicurezza dei dati che stava implementando, comprese nuove politiche sulla residenza globale dei dati, lo spostamento dei dati e le protezioni dell’accesso all’archiviazione dei dati in tutto il mondo.

L’azienda afferma di essere “impegnata a proteggere la privacy dei bambini” e di raccogliere solo informazioni limitate dagli utenti più giovani, come nome utente, password e data di nascita.

“La massima priorità di TikTok è proteggere la Privacy e la sicurezza dei nostri utenti, in particolare i nostri utenti più giovani”, ha affermato la società in una ulteriore dichiarazione a Euronews.

L’articolo segue in lingua originale alla pagina www.euronews.com/2020

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *